Prima di tutto la tutela della donna e della sua libera scelta di essere madre

16939201_10210257311407000_759427712787145893_nLa Legge 22 maggio 1978, n. 194, è forse il punto più alto di una stagione di conquista dei diritti iniziata con la Legge sul Divorzio, lo Statuto dei Lavoratori, la Riforma del Diritto di Famiglia.

Articolo 1

Lo Stato garantisce il diritto alla procreazione cosciente e responsabile, riconosce il valore sociale della maternità e tutela la vita umana dal suo inizio.

L’interruzione volontaria della gravidanza, di cui alla presente legge, non è mezzo per il controllo delle nascite.

L’obiezione di coscienza è sicuramente una forma di rispetto dell’etica del singolo rispetto alle norme statali; ma è assurdo che tale opzione arrivi a pregiudicare l’esercizio di un diritto riconosciuto a tutela della donna (e della sua libera scelta) rispetto a quella di chi, per vocazione e professione, dovrebbe mettere l’altro al primo posto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...