mantenimento

Addio casa per la ex che ha diritto al solo mantenimento. 

Deve lasciare immediatamente la casa di proprietà esclusiva dell’ex, il coniuge che ha continuato in mala fede ad occuparlo abusivamente, nonostante la sentenza di separazione non avesse disposto a suo favore l’assegnazione, ma soltanto un assegno di mantenimento.

Sorgente: Addio casa per la ex che ha diritto al solo mantenimento. E se tarda ad andarsene dovrà pagare anche l’affitto

Annunci

Assegno di mantenimento: cosa comprende?

I genitori hanno l’obbligo di mantenere, istruire ed educare la prole e assistere moralmente i figli, nel rispetto delle loro capacità, inclinazioni naturali e aspirazioni, come stabilito dagli artt. 147 e ss. del codice civile e dalla Costituzione (art. 30). I genitori devono adempiere i loro obblighi nei confronti dei figli in proporzione alle rispettive sostanze e secondo la loro capacità di lavoro professionale o casalingo (316-bis c.c.).

Sorgente: Assegno di mantenimento: cosa comprende l’importo che liquida il giudice

Reato di mancato mantenimento dei figli

L’obbligazione di mantenimento nei confronti dei figli, in particolare, trova già radici nell’ordinamento nazionale: l’art. 30 della Costituzione della Repubblica Italiana stabilisce, infatti, che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori dal matrimonio. E’ un obbligo che sorge direttamente ed in istantanea dal rapporto di filiazione e gravante non solo sui genitori nel caso di figli nati nell’ambito del matrimonio, ma, allo stesso modo, nel caso di riconoscimento del figlio naturale.
La norma costituzionale in materia di mantenimento è ribadita dall’art. 147 del Codice Civile il quale esplicitamente prevede che “il matrimonio impone ad ambedue i coniugi l’obbligo di mantenere, istruire ededucare la prole tenendo conto delle capacità, dell’inclinazione naturale e delle aspirazioni dei figli“, precisando, nel successivo articolo, che i coniugi devono adempiere l’obbligo in parola contribuendo in proporzione alle rispettive sostanze e capacità di lavoro professionale e casalingo.

Sorgente: È reato non versare l’assegno di mantenimento a favore dei figli minori :: Diritto & Diritti

Violazione degli obblighi di assistenza familiare

Ai fini della configurabilità del reato ex art. 570 c.p. relativo alla violazione degli obblighi di assistenza familiare

Nell’ipotesi di corresponsione parziale dell’assegno stabilito in sede civile per il mantenimento, il giudice penale deve accertare se tale condotta abbia inciso apprezzabilmente sulla disponibilità dei mezzi economici che il soggetto obbligato è tenuto a fornire ai beneficiari, tenendo inoltre conto di tutte le altre circostanze del caso concreto, ivi compresa la oggettiva rilevanza del mutamento di capacità economica intervenuta, in relazione alla persona del debitore, mentre deve escludersi ogni automatica equiparazione dell’inadempimento dell’obbligo stabilito dal giudice civile alla violazione della legge penale.

Sorgente: Niente carcere per il padre che versa ai figli solo le spese per vestiti, sport e cellulare

Fondo a tutela del coniuge in stato di bisogno

È istituito, in via sperimentale, nello stato di previsione del Ministero della giustizia, con una dotazione di 250.000 euro per l’anno 2016 e di 500.000 euro per l’anno 2017, il Fondo di solidarietà a tutela del coniuge in stato di bisogno.

Possono accedere al fondo il coniuge in stato di bisogno a seguito della mancata ricezione dell’assegno di mantenimento da parte del coniuge ad esso tenuto, che non è in grado di provvedere al mantenimento proprio e dei figli minori, oltre che dei figli maggiorenni portatori di handicap grave, conviventi.

Per presentare la domanda e ottenere l’accesso al Fondo occorre fare istanza al Tribunale.