Agenzia delle Entrate

Da gennaio la successione online

La dichiarazione di successione passa dal modulo cartaceo a quello digitale: doppio binario (cartaceo e digitale) dal 23 gennaio 2017 fino al 31 dicembre 2017. Scaduto questo termine, il vecchio modulo si utilizzerà solo per le successioni apertesi in data anteriore al 3 ottobre 2006, nonché per le dichiarazioni integrative, sostitutive o modificative di una dichiarazione presentata con il sistema cartaceo.

Fonte: http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/norme-e-tributi/2016-12-27/la-dichiarazione-successione-va-online-180829.shtml?uuid=ADLQeILC

Annunci

IMU e TASi sulla casa in comodato ai figli

Riduzione del 50% di Imu e Tasi per chi concede l’immobile in comodato a parenti in linea retta, ossia ai figli o ai genitori: lo scorso 18 febbraio 2016 il Dipartimento delle Finanze ha diffuso una Risoluzione che chiarisce la portata del bonus fiscale in commento, inserito con la legge di Stabilità per il 2016.

Fonte: http://www.laleggepertutti.it/112294_come-non-pagare-imu-e-tasi-sulla-casa-data-in-comodato-ai-figli

Bonus strumenti musicali 1000 Euro

4070437634_78c4a4a6a2_qCon l’approvazione definitiva della Legge di Stabilità, è divenuto definitivo anche il Bonus strumenti musicali 2016: si tratta di una nuova agevolazione, destinata a chi frequenta licei musicali e conservatori, per l’acquisto di strumenti musicali.

 

Per l’anno 2016, agli studenti dei conservatori di musica e degli istituti musicali pareggiati, iscritti ai corsi di strumento secondo il precedente ordinamento e ai corsi di laurea di primo livello secondo il nuovo ordinamento, è concesso un contributo una tantum di 1.000 euro, non eccedente il costo dello strumento, per l’acquisto di uno strumento musicale nuovo, coerente con il corso di studi, nel limite complessivo di 15 milioni di euro.
Lo strumento musicale oggetto di agevolazione deve essere acquistato presso un produttore o un rivenditore, dietro presentazione di un certificato di iscrizione rilasciato dal conservatorio o dagli istituti musicali pareggiati da cui risultino cognome, nome, codice fiscale e corso di strumento cui lo studente è iscritto. Il contributo è anticipato all’acquirente dello strumento dal rivenditore sotto forma di sconto sul prezzo di vendita ed è a questo rimborsato sotto forma di credito d’imposta di pari importo, da utilizzare in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e successive modificazioni.
Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate, da emanare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono definiti le modalità attuative, comprese le modalità per usufruire del credito d’imposta, il regime dei controlli nonché ogni altra disposizione necessaria per il monitoraggio dell’agevolazione.

Il nuovo Bonus strumenti musicali sarà pari a 1.000 Euro, e sarà finalizzato all’acquisto di strumentazione musicale.

Per approfondire: Bonus strumenti musicali, come funziona?

[Foto di Maritè Toledo]